• New Bio

L’importanza della protezione dal 5G di bambini, donne in gravidanza e adolescenti

L’innovazione tecnologica influenza le nostre vite giorno dopo giorno e porta con sé benefici e in alcuni casi rischi per l’essere umano.


L’avvento della rete 5G, che garantisce una connessione più rapida ed efficiente, ha fatto insorgere seri dubbi da parte della comunità scientifica sulla possibile nocività delle onde elettromagnetiche sul corpo umano, incoraggiando l’analisi del fenomeno.

Gli studiosi, tuttora al lavoro per chiarire la questione, hanno reso note alcune scoperte a dir poco allarmanti. Se siete interessati a saperne di più continuate nella lettura di questo articolo in cui analizzeremo quali sono i rischi derivati dall’installazione della rete 5G e come possiamo difenderci.



Quali sono i rischi per la salute


Rispetto alle tecnologie precedenti, il 5G ha una frequenza elettromagnetica più elevata che raggiunge fino a 300GHz. Per penetrare attraverso l’aria e le mura dei palazzi sarà necessario potenziare la presenza di micro-antenne sul territorio: secondo una recente stima, in Italia, verranno installati in totale circa un milione di dispositivi per km/q, con un netto aumento del traffico. Questo fatto non fa altro che incrementare i nostri dubbi sulla pericolosità di questa scoperta tecnologica.

L’assorbimento delle onde ad alta frequenza, infatti, è di natura maggiore rispetto alle componenti elettriche; l’esposizione continua a queste ai campi magnetici, secondo gli scienziati, causa effetti degenerativi sulla cute, sulle membrane cellulari, sull’espressione genetica e sui processi infiammatori.

Alcuni studi hanno confermato il nesso tra assorbimento delle frequenze e diminuzione della fertilità, riscontrando alterazioni metaboliche nei feti e nei bambini. Questi ultimi infatti sono i soggetti più a rischio: una whistleblower dell’ONU commentando la pericolosità della rete, ha sottolineato come i bambini, nelle aree dove vi è presenza massiccia di antenne, abbiano cominciato a presentare sintomi tipici della radiazione elettromagnetica: emorragie, cefalee, nausea, vomito, dolore cardiaco e alla cassa toracica.



Come difenderci dalla rete 5G


Grazie al Mini Rayonex 5G, tecnologia finalizzata a proteggere la salute e il benessere delle persone, possiamo aiutare il nostro organismo a difenderci dall’effetto nocivo delle frequenze elettromagnetiche. Il dispositivo è dotato infatti di due valori base di frequenza mediante altrettanti sistemi di antenne dipolo e funge da vero e proprio scudo contro il 5G.

Se sei interessato a saperne di più e vorresti ulteriori chiarimenti, non esitare. Il Team di NewBio è a completa disposizione. Contattaci, cliccando qui

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti